Cibi che stressano: quali sono e perché è necessario evitarli

Dr. Josh Axe, DNM, DC, CNS

Chi non ha una vita piena di impegni oggigiorno? Scadenze al lavoro, una famiglia e una casa a cui badare, lo stress è parte della nostra vita di tutti i giorni. Ogni tanto fa anche bene per darci la motivazione giusta per cambiare stile di vita o per darci l’adrenalina per finire una cosa in scadenza, ma se siamo stressati troppo spesso e per troppo tempo mettiamo a rischio la nostra salute.

Ein Mann ist müde und greift sich auf die Schläfen

Essere continuamente sotto stress porta il nostro corpo a mettersi in modalità “combatti o fuggi”, una serie di reazioni fisiologiche messe in atto per reagire allo stress (per esempio aumento di produzione del cortisolo, l’ormone dello stress). Se qualche volta questo insieme di reazioni ci permette di far fronte a situazioni particolari, se prolungato nel tempo porta ad un aumento di peso o infiammazioni croniche e persino ad un aumento del livello di zuccheri nel sangue. Lo stress cronico può anche causare “affaticamento surrenale”, una condizione che si verifica quando le ghiandole surrenali (delle ghiandole grandi quanto una noce situate al di sopra dei reni) non producono la giusta quantità di ormoni e faticano a far fronte agli stressori esterni (agenti che causano stress) portando a sintomi come depressione, infiammazione o problemi di concentrazione.

Come se non bastasse, non è solo l’ambiente circostante la causa di stress ma anche quello che mangiamo e si farebbe meglio ad evitare questi alimenti:

1. Zuccheri

Se vuoi essere sicuro di non “alimentare” lo stress, nel vero senso della parola, lo zucchero è il primo alimento che devi eliminare dalla dieta. Quando si è stressati il corpo rilascia cortisolo, l’ormone che ci aiuta a tenere a bada i livelli di zuccheri nel sangue e i livelli di stress. Se si mangiano troppi zuccheri, dovrà essere rilasciato più cortisolo per riportare i livelli in equilibrio. Al contempo, il rilascio di cortisolo può anche causare disturbi del sonno, abbassare l’efficacia del sistema immunitario e aumentare i mal di testa e gli attacchi di fame. Inoltre, gli squilibri dei livelli di zuccheri nel sangue causano altre sensazioni simili allo stress come ansia e paura.

Eliminando cibi con zuccheri aggiunti come pasticcini, yogurt alla frutta e bevande gassate e mangiando più cibi integrali, il livello di zuccheri sarà mantenuto stabile e ci saranno perciò meno sbalzi di umore, meno stress e un corpo più felice.

caramelle gommose

2. Dolcificanti artificiali

Lo zucchero fa già male di suo, ma molto spesso i cibi sono addirittura zuccherati con dolcificanti artificiali, i quali causano problemi di salute come frequenti mal di testa, alterazioni del metabolismo e disturbi cardiovascolari. Non solo: questi dolcificanti alterano le papille gustative facendoci desiderare ancora di più i dolci. Piuttosto che usare dolcificanti e zucchero prova questi dolcificanti naturali.

3. Carboidrati raffinati

I carboidrati raffinati sono buoni, ma non fanno bene al corpo. Prima di tutto, sono calorie vuote che non apportano nessun valore nutrizionale e in più, causano squilibri nei livelli di sangue facendoci diventare irascibili e di cattivo umore.

Molti carboidrati raffinati, contengono alti livelli di sodio e oltre ad aumentare il livello di sete, questa quantità extra di sodio causa la ritenzione dei liquidi, facendo lavorare extra il cuore per pompare il sangue. Aumenta anche la pressione sanguigna, il che genera gonfiore e aumenta il livello di stress.

latte e croissant, colazione francese

4. Alcol

L’alcol fa aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e molte bevande alcoliche sono ricche di zuccheri (che causano stress a loro volta). Pensare di liberarsi dallo stress e dall’alcol semplicemente dormendo è un errore perché l’alcol scombussola anche i cicli di sonno. Se anche addormentarsi sarà più semplice, non si tratterà di un sonno profondo e al risveglio non ci sentirà riposati ma indovina come? Ancora più stressati.

5. Troppa caffeina

Se senza una tazza di caffè non carburi, non è necessario smettere di berlo da un momento all’altro. Ma se ne bevi tantissimo durante il giorno, potresti sentirti più stressato del solito. Troppa caffeina infatti, potrebbe dare problemi alle tue ghiandole surrenali sovrastimolando il corpo. E poiché stimola il sistema nervoso, la caffeina può causare un aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, oltre che causare una sensazione di ansia. Per questo chi soffre di ansia, dovrebbe eliminare il caffè.

Inoltre è bene sapere che la caffeina non è presente solo nel caffè ma anche in alcuni tipi di tè e di energy drink, in alcuni antidolorifici e persino nel cioccolato.

***

VALUTA QUESTO ARTICOLO

Dr. Josh Axe Josh Axe, dottore in medicina naturale, è anche nutrizionista appassionato che aiuta le persone ad usare il cibo come medicina. Vedi tutti gli articoli di Dr. Josh Axe »

Leave a Reply