5 cose da NON fare durante il tuo giorno di riposo

Eine Frau stretcht sich

Hai appena finito un allenamento e non vedi l’ora di iniziarne subito un altro. Meglio non farsi prendere dalla foga e ascoltare i segnali del tuo corpo. Dopo un’attività fisica intensa è importante far recuperare il tuo corpo in maniera ottimale, proprio per questo ci sono i giorni di riposo. 

Per sfruttare al massimo questa fase di recupero tra un allenamento e l’altro, abbiamo preparato 5 consigli per te con le cose da evitare.

Ein Mann macht eine Sportpause und schaut auf sein Smartphone

Errore # 1: non programmi i giorni di riposo

I giorni di recupero non sono un optional, ma dovrebbero essere una parte fondamentale del tuo piano di allenamento. Proprio in questa fase, infatti, il corpo ha il tempo di recuperare ed ‘elaborare’ i progressi fatti fino ad ora. Quando ti alleni, i tuoi muscoli vengono sollecitati e stimolati, mentre durante la fase di recupero hanno il tempo di adattarsi allo sforzo fatto. Il risultato? Le tue performance miglioreranno. 

Stimolare i muscoli non basta

L’ipertrofia (ovvero l’aumento delle cellule muscolari in reazione a uno stimolo) avviene solo durante i giorni di riposo. Ecco perché è fondamentale programmare una fase di recupero tra gli allenamenti.

Ein Mann und eine Frau sind erschöpft nach ihrem Lauf

Errore #2: Non ascolti il tuo corpo

Più ti alleni, più sarai consapevole dei bisogni del tuo corpo. Fatica, letargia o debolezza muscolare sono tutti segnali che indicano un sovrallenamento. Che significa? Semplice, che ti stai allenando troppo e non dedichi abbastanza tempo alla fase di recupero. Il tuo corpo non riesce a tenere il passo con la stimolazione dei muscoli, con il risultato che le tue performance peggioreranno. In questa condizione è facile che anche la motivazione inizi a vacillare. Ricorda: chi va piano, va sano e va lontano. Ascolta il tuo corpo, fidati dei segnali che ti manda e non strafare.

Le fasi di recupero sono tanto importanti quanto gli allenamenti!


Errore #3: Un piccolo allenamento che male farà?

No! Anche se a volte non vuoi prendere una pausa perché vuoi vedere i risultati il più in fretta possibile, meglio non cadere in tentazione. Non fare recuperare i tuoi muscoli non porterà a risultati migliori, anzi. Oltretutto, un altro rischio è allenarsi in fretta perché si ha poco tempo, aumentando la possibilità di infortunarsi e fare gli esercizi in modo scorretto. Ecco perché seguire un piano di allenamento è la cosa migliore da fare per raggiungere i propri obiettivi. Prova a completare uno dei tanti piani dell’app adidas Training

Runtastic Results Download Banner

Errore #4: Non mangi abbastanza 

Ovvio, se non ti alleni, brucerai meno calorie. Ma questo non significa che devi metterti a dieta ogni volta che hai un giorno di recupero. Il tuo corpo è come una macchina, per farlo funzionare al meglio devi fornirgli la giusta carica di energia e di nutrienti, ogni giorno, a prescindere che tu ti allena o meno. Ricorda: una dieta bilanciata e corretta aiuta a migliorare le tue performance atletiche.

Errore #5: Ti fai tentare dal divano 

Il dolce far niente può essere una grande tentazione. Divano, coperta, televisione: cosa c’è di più bello? Soprattutto in inverno, in tanti si lasciano prendere dalla pigrizia. Tuttavia, essere a riposo non significa non muovere un muscolo. Attività a bassa intensità, come una passeggiata o un giro in bicicletta, possono aiutare il corpo a recuperare e stimolare il metabolismo. Un piccolo suggerimento: prova a fare attività diverse da quelle del tuo normale piano di allenamento per un po’ più di varietà e divertimento.   

Il nostro consiglio:

Ricordati di fare abbastanza stretching. I giorni di pausa sono un’ottima opportunità per dedicarsi alla flessibilità e al rilassamento dei muscoli. Che sia con un massaggio, una sessione di yoga o usando un foam roller, non scordarti della tua sessione di stretching! 

***

VALUTA QUESTO ARTICOLO

Tom Koscher Personal trainer e running coach, Tom ama essere d'ispirazione e sfidare gli altri con i suoi allenamenti creativi. Non si tira mai indietro quando si tratta di una sfida fitness. Il suo motto è: perché camminare quando si può correre? Vedi tutti gli articoli di Tom Koscher »