Mangiare ad orari precisi o quando si ha fame: cosa fa dimagrire di più?

Ein Mann schneidet ein Stück Steak

Sarebbe meglio mangiare quando si ha fame o a orari precisi? Ci sono diversi pro e contro per ognuna di queste opzioni. Vediamo quale va meglio se l’obiettivo è perdere peso.

coppia che fa colazione

I vantaggi di ascoltare i segnali del corpo

Uno dei segnali principali che il nostro corpo ci invia è quello della fame. L’ormone che stimola l’appetito è chiamato grelina ed è prodotto nel pancreas e nel rivestimento dello stomaco. Quando sentiamo delle fitte allo stomaco significa che il corpo ha bisogno di energie. Ascoltare il corpo è importante per capire non solo quando si ha fame ma anche quando si è sazi. Che siano tre pasti principali o sei pasti meno abbondanti, 20 minuti dopo il pasto si può capire se si ha ancora bisogno di mangiare o no. Per questo è importante mangiare lentamente ed evitare di confondere la fame con veri e propri attacchi di fame smisurati, dettati più che dalla fame solo dal desiderio di mangiare qualcosa in particolare

Non aspettare fino a quando stai morendo di fame

Aspetti così tanto che poi mangeresti tutto quello che ti passa per le mani? Non va bene, soprattutto se si sta cercando di perdere peso. Inoltre, un calo di zuccheri nel sangue è pericoloso per chi soffre di diabete.

Colazione con proteine

Se si mangia ad orari precisi

Meglio fare tre pasti abbondanti o sei ma meno abbondanti? Mangiare ad orari precisi evita di arrivare ad un punto di fame estrema, riducendo allo stesso tempo il rischio di mangiare di tutto o di lasciarsi prendere dalle voglie improvvise. Uno studio di 15 casi ha dimostrato che mangiare piccoli pasti ma più di frequente aiuta a perdere peso.

Quali sono gli svantaggi

Se si decide di seguire orari precisi, si finisce per mangiare per abitudine invece che per fame e questo può voler dire assumere calorie anche quando non sono necessarie. Invece di perdere peso si potrebbe ottenere l’effetto contrario. Questo metodo non è comodo per tutti inoltre, e per molti significa ignorare del tutto i segnali di fame che manda il corpo in modo naturale.

Conclusioni:

Nutrire il nostro corpo dovrebbe essere una cosa naturale, non un processo scandito da regole. Entrambi i metodi possono aiutare nella perdita di peso, ma nel caso si stiano seguendo degli orari precisi, è importante non mangiare per forza anche se non si ha fame. E se invece si ha fame ma il prossimo pasto è previsto nelle 2 ore successive? Meglio optare per uno snack nutriente, come delle barrette fatte in casa. Se ascolti il corpo, mangi solo se hai fame e smetti quando ti senti sazio, dovresti raggiungere gli obiettivi di peso seguendo entrambi i metodi.

***

VALUTA QUESTO ARTICOLO

Julia Denner Come dietista, Julia lavora per ispirare gli altri a seguire una dieta sana ed equilibrata. Ama la cucina, le attività all'aperto, lo yoga e gli allenamenti di forza. Vedi tutti gli articoli di Julia Denner »